Fabio ed io stiamo cercando una nuova casa.
Stiamo diventati grandi e vorremmo comprarci qualcosa di nostro.
Nella casa dei miei sogni, vedo un angolino tutto mio, per organizzare il mio ufficio in casa.

Non deve necessariamente essere una stanza dedicata; basterebbe anche solo un angolo di un ambiente più ampio.
Ma attrezzato con tutto quello che mi occorre per lavorare in serenità e stimolare la creatività.

 

Sì, perchè nonostante le abilità organizzative, il Professional Organizer è anche e soprattutto una professione creativa.

 

Ogni giorno inventiamo nuovi modi di comunicare la nostra professione, ci informiamo e restiamo aggiornati sulle novità, creiamo eventi, formazione e nuove opportunità per incontrare i nostri clienti e ci inventiamo soluzioni che li rendano felici.

Per questo nella mia nuova casa desidero uno spazio che mi permetta di fare tutto questo.

 

Fintanto che però la casa non c’è, io immagino il mio spazio ideale.
Come? Raccogliendo ispirazione da quello che credo essere il miglior strumento per ispirazioni esistente: Pinterest.

 

Ho creato una bacheca dedicata all’home office (è pubblica, vuoi vederla?) e lì raccolgo tutte le immagini che si avvicinano in uno o più
caratteristiche, alla mia idea di ufficio in casa ideale.

Mano a mano che aggiungo immagini, mi sto rendendo conto di trovare dei punti in comune tra gli ambienti che scelgo.
E da questa riflessione ho scritto il post di oggi.
Probabilmente saranno criteri influenzati dal mio gusto personale, ma credo che alcuni elementi possano essere condivisi anche da chi, come
me, lavora da casa e avrebbe bisogno di uno spazio che risponda meglio alle sue esigenze.
Lavorare da casa, già di per sé, richiede molta disciplina, in particolare nella gestione del tempo a nostra a disposizione.
Perciò lo spazio in cui lavoriamo non deve risultarci d’intralcio ma essere stimolo e motivazione per aspirare al meglio della nostra professione e farci lavorare serenamente.

 

Ecco la lista delle 10 caratteristiche che un ufficio in casa dovrebbe avere – o quanto meno quelle che dovrebbe avere il mio 😉

 

Requisito n.1 – ESSERE LUMINOSO

 

Al di là del fatto che sono ormai diventata una talpa a causa della miopia che mi porto dietro dalle scuole medie, lavorare in un ambiente luminoso è fondamentale non solo per essere produttivi ma anche per salvaguardare la nostra salute psico-fisica. Per tale motivo il tema dell’illuminazione è approfondito specificatamente nella normativa europea UNI-EN12464-2011 oltre all’italiano Testo Unico sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro DM 81/2008. Anche se lavoriamo da casa si tratta a tutti gli effetti del nostro luogo di lavoro. Preferiamo la luce naturale quando possibile, ma attrezziamoci comunque con una buona illuminazione artificiale, preferendo una temperatura colore delle lampade che garantisca quanto più possibile una colorazione naturale degli ambienti.

 

Fonte: loefflerrandall.com

Fonte: loefflerrandall.com

 

Requisito n.2 – AVERE UN’ALTA COMPONENTE DI BIANCO, CON UN TOCCO DI COLORE

 

Il bianco è un colore puro, simbolo di chiarezza, ma anche di nascita e di nuovo inizio. Aiuta a dare un senso di ariosità e ad ampliare gli spazi. Per questo motivo vorrei lavorare in un ambiente principalmente bianco. Ma io amo i colori e troppo bianco mi darebbe un senso di asetticità: per questo qualche nota di colore negli arredi o nelle decorazioni ci sarà nel mio ufficio ideale.

 

Fonte: whensomethingbegins.blogspot.it

Fonte: Bernie Enkelaar

 

Requisito n.3 – TRA I MATERIALI, SCELGO IL LEGNO, SOPRATUTTO PER IL PIANO DI LAVORO

 

Per il mio piano di lavoro, vorrei una grande struttura in legno. Il legno è un materiale che mi ha sempre trasmesso calore, sicurezza, solidità: lo vedo perfetto per la scrivania. Il colore del legno inoltre non affatica gli occhi e genera, secondo me, un contrasto piacevole con le superfici patinate dei prodotti tecnologici (sì, lo ammetto, nel mio ufficio ideale vedo anche un enorme iMac che mi aspetta!)

 

Fonte: etsy.com

Fonte: etsy.com

 

Requisito n.4 – AVERE UN PIANO D’APPOGGIO AMPIO, MA CHE SIA ANCHE LIBERO

 

La scrivania, il piano di lavoro, sarà davvero il fulcro nel mio ufficio in casa. Nonostante io abbia digitalizzato la quasi totalità del lavoro che svolgo quotidianamente, lavorare su una superficie ampia e sgombra di oggetti mi dà la sensazione di poter respirare liberamente, di poter spaziare con il pensiero e la creatività. Presta però attenzione a non monopolizzare lo spazio a disposizione con oggetti inutili (ricordi la regola del bersaglio?)

 

Fonte: muymios.com

Fonte: muymios.com

 

Requisito n.5 – DEVE SFRUTTARE GLI SPAZI VERTICALI

 

Proprio per lasciare quanto più possibile lo spazio orizzontale della scrivania sgombro per lavorare, sfruttare le pareti con soluzioni organizzative mirate è sicuramente un escamotage vincente per attrezzare l’ufficio nel modo giusto. Mensole, lavagnette e ganci: sul mercato esistono moltissime di queste soluzioni. Attenzione solo a non farsi prendere la mano: anche qui mi immagino soluzioni verticali all’insegna della leggerezza!

 

Fonte: theeverygirl.com

Fonte: theeverygirl.com

 

Requisito n.6 – UNA FINESTRA SUL MONDO

 

Ok, questa è un sogno… La troverò mai? Male che mi vada appenderò al muro un quadro di un pittore che amo o una frase di ispirazione. Saranno loro le mie finestre sul mondo.

 

Fonte: hunch-living.dk

Fonte: hunch-living.dk

 

Requisito n.7 – QUALCHE RACCOGLITORE SI, MA MINIMALISTA

 

Inutile dire che in commercio esistono miliardi di raccoglitori, contenitori, scatoline ecc. per organizzare gli oggetti dell’ufficio. Ma ancora una volta LESS IS MORE: semplifica, conserva solo quegli oggetti davvero utili e scegli prodotti dal design minimale che non disturbino l’occhio e distolgano l’attenzione mentre stai lavorando.

 

Fonte: petitemodernlife.com

Fonte: petitemodernlife.com

 

Requisito n.8 – UNA SEDUTA COMODA E LA TEMPERATURA ADEGUATA

 

La comodità e il benessere sono fondamentali per il luogo di lavoro: per esempio, le sedie Varier mi hanno sempre attratta. Credo sia giunto il momento di pensare a un investimento per la mia schiena!

 

Fonte: varierfurniture.com

Fonte: varierfurniture.com

 

Requisito n.9 – UNA PIANTINA CHE DIA ALLEGRIA E CHE RESISTA AL MIO CELEBRE POLLICE NERO

 

Un pò di verde in ufficio credo sia un grande stimolo alla creatività: purtroppo devo fare i conti con la triste realtà. Io non sono assolutamente dotata per curare le piante. Ecco perchè nella mia bacheca trovi solo spunti per piante che non si possono uccidere facilmente!

 

Fonte: realsimple.com

Fonte: realsimple.com

 

Requisito n.10 – UNA LAVAGNA PER LA CREATIVITA’

 

Uno dei primi punti della mia lista dei desideri: non appena avrò una parete abbastanza ampia per farlo, attaccherò una lavagna grande per poter fare brainstorming, ricreare una lavagna Kanban e chi più ne ha più ne metta…

 

Fonte: brit.co

Fonte: brit.co

 

E questo è quanto.
Che dici? Lo troverò? Io sono fiduciosa! 🙂

E tu? Cosa c’è nel tuo ufficio in casa ideale?

Salva

Salva

Salva

Salva

3 Comments
  • Sergio

    16 Novembre 2016at19:42 Rispondi

    Da uno che lavora in casa da 25 anni: scaffale ivar vicino alla scrivania; così puoi metterci i raccoglitori del punto 7 (che sulla scrivania fanno solo disordine e occupano spazio); la sedia come si vede in foto al punto 8 è molto comoda finché sei giovane (dopo i 40 cominci a fare fatica): io l’avevo presa da Stokke, mi sembrano identiche, ma bisogna verificare il materiale con cui sono foderati i cuscini (seduta e poggia ginocchia) perché con il caldo tendono a dare fastidio (alle ginocchia) e sdrucirsi. Da quando ho fatto rifoderare di microfibra è un’altra storia (anche se ho perso qualche anno di vita al momento di pagare!). Comunque la più comoda è l’ultima che ho comprato su amazon, classica da ufficio direzionale, 5 ruote con braccioli e poggia schiena alto e poggiatesta. Quando ho comprato la lavagna (punto 10) avevo tante belle idee su come utilizzarla. Ma usando il computer, è molto più pratico usare una delle tante app per il mindstorming (e c’è anche il servizio gratuito per il Kanban). Detto questo, tanti auguri per il tuo sogno!

    • Chiara

      17 Novembre 2016at6:35 Rispondi

      Grazie mille Sergio! I tuoi sono tutti utili suggerimenti! Grazie per aver arricchito il mio post con la tua esperienza 🙂 Un caro saluto

Post a Comment