Questo sarà un post breve.

Poche parole che ancora faccio fatica a mettere una dopo l’altra, per l’indescrivibile emozione che ho vissuto lo scorso fine settimana alla settima edizione del Freelance Camp.

La mia quinta come partecipante. La mia prima da speaker.

L’emozione (e anche la tremarella!) si sono fatte sentire, ma che dire se non un immenso GRAZIE alle persone che questo evento l’hanno ideato e ogni anno lavorano per renderlo sempre più unico e speciale: Alessandra Farabegoli, Gianluca Diegoli, Miriam Bertoli e Silvia Versari (a cui va il mio grazie più speciale!), se non ci foste, bisognerebbe inventarvi per farvi inventare di nuovo il Freelance Camp!

È stato al mio primo camp che ho capito cosa significasse davvero essere freelance ed è stato sulla spiaggia del Boca Barranca che ho preso la mia decisione: scegliere un lavoro che mi renda felice e trovare la strada per realizzarlo al meglio, con professionalità ma soprattutto indipendenza e autonomia.

Ogni tanto si fa fatica, non lo nascondo.

 

Ma caspita, se ne vale la pena.

 

Non mi sento di dire altro se non…

Essere freelance è una delle scelte migliori che ho fatto finora.

I freealance sono bella gente, ma quelli che spaccano vanno tutti al Freelance Camp. Compresi gli amici, quelli che ti capiscono davvero nei tuoi drammi e nelle tue esaltazioni di una #vitadafreelance.

Guarda il video se vuoi scoprire quanto si può parlare in pubblico senza respirare (e nel caso qui trovi anche le slide che nel video non sono venute granché!).  E poi guarda i video di tutti gli altri speaker, perchè ognuno di loro ha contribuito a creare quella che fino ad oggi, almeno per me, è stata l’edizione del Freelance Camp più emozionante di sempre.

 

 

Grazie a Damiano, Marzia e Roberto per le foto.

Grazie ai mitici ragazzi di Vudio per lo streaming live e il video.

1 Comment
  • Marina

    16 maggio 2018 at 17:04 Rispondi

    Complimenti Chiara. Sei stata semplicemente bravissima. Mi hai fatto venire voglia di venire al prossimo Freelance Camp 😀

Post a Comment